Quanto, Come e Perchè guadagna un blogger in Italia?

Quanto, come e perchè guadagna un blogger in Italia?
In rete difficilmente potrete trovare esempi pratici e numeri chiari. Vi è una certa “omertà” sui guadagni, in quanto a differenza per esempio degli Americani, in Italia è molto più difficile emergere nel settore internet, essere credibile e riscontrare interesse da parte dalle altre persone. I motivi sono molteplici; meno persone, un approccio differente alle novità e ad internet etc.

Partiamo da alcuni esempi Italiani che sono riuscita a trovare girovagando per la rete (guadagnare con Adsense)

Risultati immagini per adsense

Per quanto riguarda i food blogger, è molto comodo appoggiarsi a comunità già pre-esistenti, così da non dover partire da zero per  affermare la propria presenza sul web.
La ragazza in questione ha appunto aperto un blog nella community di GialloZafferano (che offre la possibilità a chiunque di registrarsi e creare un proprio blog base, con dominio condiviso con la casa ospitante.) La sua esperienza da blogger è nata nel 2007 ed è riuscita con costanza a portarla avanti fino al 2013 (era un articolo di qualche anno fa, ma continua nella sua attività di blogging) e nell’ultimo anno ha guadagnato circa 1000 euro o più.
 
 La piattaforma è molto importante e giallozafferano al momento è l’unica piattaforma food che riesce a far guadagnare sommette interessanti a chi la sceglie. 
 
Oltre al blog la ragazza possiede una pagina Facebook che aggiorna costantemente; nessun particolare filtro o fotografia di alto livello, qui è la costanza ad essere stata premiata.
Per altri settori i numeri potrebbero essere totalmente differenti, anche per un egual numero di visite mensili. Un esempio dal settore informatico:
“Possiedo un sito web nel quale il traffico maggiore è quello sui social, con oltre 4k di visitatori al giorno e guadagno solo 2 dollari al giorno.”
Abbiamo qui parlato di meri numeri, analizzando solamente i dati forniti da Adsense (che permette di essere più o meno facilmente installato attraverso un codice sui siti e mostrando così pubblicità agli utenti genera un guadagno). Ma ovviamente Adsense non è il modo principale per guadagnare con un blog. Nel frattempo vale la premessa più importante prima di addentrarci nel discorso dei guadagni più avanti, ovvero “come posso essere interessante e quindi ottenere visualizzazioni sul blog?”

Come emergere nel web

Abbiamo dunque visto che il punto potrebbe non essere avere foto spettacolari o particolari doti per fare blogging, ma crearsi una propria nicchia. Una volta individuata occorrono uno o più di questi elementi per “sbancare”;
 
1. Costanza; pubblicare sempre nuovi contenuti e spaziare in tutti i canali social.
2. Pagare; per saltare qualche anno è possibile accelerare il processo di espansione pagando per fare pubblicità al proprio blog e farsi conoscere il più possibile.
3. Essere bravi; la bravura paga quasi sempre se sapete come sfruttarla al meglio. Potreste anche essere bravissimi cuochi o fotografi ma se non sapete come sfruttare e pubblicizzare al meglio ciò che fare resterete sempre nel “mucchio”.
 
Esempio pratico per i fotografi; sapete fotografare, avete fotografato ogni fiore raro, ogni paesaggio. Ma manca qualcosa alle vostre foto; non hanno personalità. Cosa vuol dire? Che il vostro materiale non si differenzia da tutto quello che c’è in giro. E nel 2017 in giro, c’è davvero tanto. La foto delle dolomiti la possono fare tutti, è la particolarità che dovete ricercare. Introdurre un soggetto potrebbe essere un buon inizio (ora vanno tanto di moda le foto con le persone alle spalle, magari con una coperta addosso ed un cagnolino di fianco, tanto per dirne una) 

Ritornando a noi; è possibile guadagnare come blogger in Italia?

Il trucco è questo; voi potete anche aprire il blog sul vostro tema preferito (es: il viaggio) ma poi scoprire che gli utenti sono più interessati ad esempio ai filtri delle vostre foto, o a come avete fatto ad avere così tanti followers su instagram. Ecco che il vostro blog di viaggi si trasforma in una vetrina per parlare di tutt’altro argomento (es: i social) che attira molte più persone. Incominciate così a parlare delle vostre esperienze e di come utilizzate l’attrezzatura fotografica. Verrete contattati da agenzie interessati a commissionarvi la recensione di un determinato strumento, e via dicendo. Dunque il vostro blog di viaggi si è trasformato in un blog di recensioni. Il segreto è seguire le richieste del mercato, anche se voi vorreste solo parlare dell’ultima villa che avete visitato.
Attenzione; questo non vuol dire che tutte le storie vanno così, vi ho solo riportato un esempio. Se siete invece bravi nei reportage portate avanti questo vostro aspetto. Il tutto si riduce non a “quanto si guadagna” ma a “cosa sai fare?” ed il blog sarà nella maggior parte dei casi solo un tramite per permettere di ricevere dei lavori, o di vendere online il vostro operato ( che sia un libro, una guida etc), più che “guadagnare con il blog senza fare nulla e scrivendo di quel che mi pare” (Il discorso vale per le affiliazioni invece.. anche se il lavoro da fare non sarà di certo di meno rispetto a quello che fa un normale venditore online/offline)
 
Ci vuole strategia, se siete dei bravi venditori vendete con o senza il blog. Il blog diventa solo uno strumento in più.
 
Di recente avevo aperto un sondaggio rivolto in particolare ai travel blogger chiedendo loro “quanto guadagnate con il blog” e queste erano state le risposte, più o meno sincere, più o meno burlone (il sondaggio era anonimo e chiunque poteva selezionare una scelta casuale). Come si evince dal sondaggio, la maggior parte dei travel blogger riesce a malapena a saldare il conto del’hosting (se è stato acquistato) ma non avendo richiesto altre informazioni (es: quanto tempo dedicate, con quali mezzi guadagnate etc)
 

 Quante visite bisogna avere per guadagnare con un blog?

 Il guadagno medio per 1000 ad impression (impression o visualizzazioni? impression, ovvero la frequenza di pubblicazione dell’annuncio.. diciamo quante volte il tuo annuncio potrebbe essere visto nella pagina in cui è situato.. ovvero ogni volta che si accede a quella pagina) è di circa 1 dollaro (se si vuole stare larghi ed in un blog abbastanza importante, altrimenti vi restano i centesimi) il che garantirebbe circa 100 dollari al mese, ma difficilmente il dato è reale.
Altro esempio. Metti 3000 visitatori mensili sul sito, e 1 su 10 utenti che clicca ogni giorno e circa 2 o 3 vendite (se sono rose e fiori) 
Per AdSense si dice che solitamente uno su 100 clicca sui banner (anche solo per sbaglio) e considerando dai 3 ai 20 centesimi per click avremo un ricavo di circa 30utenti al mese x 10 centesimi = 3 euro mensili.
 
Come poter spingere gli utenti a cliccare sui banner?
Ci sono tanti modi, i più usati sono quelli di posizionare i banner ovunque e renderli invasivi e fastidiosi per l’utente che suo malgrado prima o poi si ritroverà a cliccarli, così come posizionarli tra un’immagine ed un’altra (a mò di pubblicità) facendo innervosire tutto il popolo di internet e senza contare che andreste contro le regole di Google Andense e cercando modi per far cliccare gli utenti verrete bannati. Trovare poi soluzioni alternative ad Adsense non sarà affatto facile.
Guadagnare con un blog si può?
 
Guadagnare si può, ma per lasciare il vostro lavoro per dedicarvi pienamente al blogging avrete bisogno di un’idea da accostare (es: essere un fotografo, copywriter, designer freelance etc) perchè difficilmente il solo blog vi darà da mangiare (specialmente in Italia),e specialmente se siete i soli a scriverci sopra. Tutto questo chiaramente a meno che non facciate il botto e diventiate “virali” per un vostro contenuto pubblicato (sbizzarritevi, anche se quelli che acchiappano di può sono articoli come “come fare i soldi senza lavorare” anche se purtroppo internet ne è piena e dovreste tirare fuori la formula magica dal cappello senza stare a ridire quel che dicono tutti)
Per guadagnare con un blog avete bisogno di credibilità e quindi di un sito tutto vostro. Evitate quindi wordpress.com (la versione gratuita) perchè vi costerà molto di più passare a quella con un dominio tutto vostro e sarà poco conveniente.
Createvi un paacchetto di articoli da pubblicare (per non partire senza nulla, oppure tentate come me la via wordpress.com o blogger per poi passare al livello successivo e migrare il vostro blog quando avrete un po’ di articoli) e scegliete l’hosting che fa per voi.
Il migliore in rete, da quanto si legge è Siteground (ma abbastanza costosto per chi inizia). Io ho optato per Serverplan in quanto con il pacchetto base a 24 euro vi offre tutto ciò che avete bisogno per iniziare. Se volete spendere di meno, potete anche provare Bluehost. Evitate Register.it in quanto ha fama di cattive prestazioni anche se prezzi conveniente.
 

Qualche dato:

Network Banner Geniad – circa 2 euro per 1000 impressioni

Geniad usa RTB ( offerta in tempo reale ) che garantisce gli introiti più alti per il banner inserito sul vostro sito.

Il software utilizzato da Geniad verifica in tempo reale prezzi e formato che sono pagati di più ed automaticamente li seleziona per il vostro sito raggiungendo i profitti più alti.

L’RPM varia in base alla categoria di sito, il traffico che genera, il periodo dell’anno e il rank nei motori di ricerca, compreso il rank di Alexa.

E’ difficile fare previsioni, in Italia la media è sui 50 / 100 centesimi di dollaro, ma esistono alcuni siti che arrivano a due dollari.

Qualche testimonianza:

4000 visite, andavo a guadagnare di Adsense 350 euro al mese, davvero poco per un sito che ha un traffico così elevato! Sono passato così da annunci di solo testo, ad annunci video.

. Io sono iscritto su Adv.it e l’ho inserito sul mio sito Pianosolo e mi rende circa 2 euro al giorno con 5.000 visite al giorno.

Oggi ho fatto quasi 2000 Visite , guadagnando la misera somma di 1,34€ da adsense.

simply.com (soddisfatto) e payclick (meno) Adword,  heyos e linklift

Io credo che anche con 400 unici giornalieri adsense permette di ricavare circa 1-2 € al giorno

l mio sito conta circa 1700 visite al giorno e 4700 visualizzazioni di pagina.
Con adsense faccio circa 1.50 € al giorno.

ricevo da 500 a 1000 visualizzazioni al giorno e non arrivo a guadagnare 1 euro (blog su blogger)

con 1000 visite si possa guadagnare anche 30 € al giorno (anche con adsense!)

Io con un sito di 50 visite al giorno guadagno da 1 a 2 € al giorno

Con 1400 visitatori unici al mese partito un anno fa è arrivato a 600 visitatori unici al giorno e con adsense ci guadagno 50-100 euro al mese

Adsense ad esempio pone delle regole anche sul posizionamento, leggetelo bene, rispettate le loro linee guida ma provate a posizionarli in posti diversi, fino a trovare la combinazione migliore che sicuramente vi farà guadagnare molto ma molto più di 1 € ogni 1000 visitatori.

Entrate per mille impressioni (RPM)

Le entrate per 1.000 impressioni (RPM) rappresentano le entrate stimate accumulate ogni 1.000 impressioni ricevute. L’RPM non rappresenta le entrate realmente percepite, ma è calcolato dividendo le entrate stimate per il numero di visualizzazioni di pagina, di impressioni o di query ricevute e moltiplicando il risultato per 1000.

Formula:
RPM = (entrate stimate/numero di visualizzazioni di pagina) * 1000

Ad esempio:

  • Se hai ottenuto entrate stimate pari a $ 0,15 da 25 visualizzazioni di pagina, l’RPM della pagina sarà pari a ($ 0,15/25) * 1.000, ovvero $ 6,00.
  • Se hai ottenuto entrate stimate pari a $ 180 con 45.000 impressioni dell’annuncio, l’RPM dell’annuncio sarà pari a ($ 180/45.000) * 1.000, ovvero $ 4,00.

L’RPM è un valore comunemente utilizzato nei programmi pubblicitari e puoi trovarlo utile per confrontare le entrate tra canali diversi.

 

Banner su Altervista

Altervista è un portale che offre spazio web gratuito del tuo blog e ti permette addirittura di guadagnarci. Come mai offre tutto gratis e a differenza di wordpress.com ti da anche la possibilità di guadagnare? semplice, perchè Altervista prende i ricavi dalla pubblicità. Questo vuol dire che quello che guadagni su Altervista dai banner sarà sempre meno di quello che potresti guadagnare con un hosting tutto tuo. Conta che un hosting non costa tantissimo e puoi iniziare da 24 euro all’anno. Leggi l’articolo qui

 Con 200 Visitatori e 1000 pagine cliccate continuo a guadagnare 5 cent… Perché?

Il pubblico arriva a una media di 400 clic al giorno, con punte a 1000, anche 1600
Il problema è che i guadagni risultano stabili fra 3-5 centesimi, massimo 7 centesimi
Com’è possibile questo?

100-300 visitatori al giorno (sempre a seconda della nicchia del tuo blog) non sono ancora un pubblico che puoi considerare vasto e remunerativo dal punto di vista pubblicitario, per quanto riguarda i parametri web Adsense.
La soluzione potrebbe essere quella di sistema i tuoi banner al meglio, pubblica nuovi contenuti, condividili sui social network e aspetta che il successo del tuo blog aumenti, i guadagni arriveranno!

se un banner mi promette 123 centesimi ogni 1000 visualizzazioni
allora 300 visitatori dovrebbero procurarmi un terzo ovvero 40 centesimi
così 100 visitatori dovrebbero fruttarmi 14 centesimi circa

Altervista offre servizi gratuiti perchè trae profitto dai banner , su altri siti si possono guadagnare 15-20 euro ogni mille visitatori.

Post in aggiornamento costante!

5 commenti




  1. Sei stata in grado di chiarirmi un sacco di punti in cui avevo numerosi dubbi. Mi rendo conto che la strada dei travel blogger (soprattutto in italia) è difficile, ma non voglio assolutamente mollare. Ho salvato questo tuo interessantissimo post tra i preferiti! attendo aggiornamenti. E grazie davvero per questo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *