Se viaggiare non è solo la tua passione ma una delle tue ragioni di vita, devi provare a dare un giusto peso ai tuoi desideri. Diventare travel blogger al giorno d’oggi è più facile, ma la concorrenza è maggiore.

Iniziare un blog di viaggio: una guida passo-passo

In questo articolo troverai gli articoli principali del sito che ti guideranno alla scoperta di chi è e cosa fa un travel blogger, oltre alle varie fonti di reddito. Oltre a ciò ho creato un gruppo Facebook per condividere tutti i mini tutorial all’interno di un processo guidato chiamato Unità di Facebook. In questo modo potrai prendere parte ad un primo corso gratuito per diventare Travel Blogger direttamente all’interno del gruppo.

Vengono condivisi articoli su come migliorare la performance del proprio blog, le best practice per collaborare con gli hotel e tanto altro. Se hai delle domande tecniche su come funziona WordPress, questo è il gruppo che può aiutarti a gestire il tuo blog.

Altri articoli pertinenti:

Se vuoi invece imparare tutti i segreti per diventare un travel blogger di successo, viaggiare sponsorizzato e monetizzare il blog, ecco la guida per te!

Al momento è disponibile solo la versione digitale.

Acquista il manuale

Se provi a cercare in rete troverai moltissimi corsi per diventare Blogger.

Ci sono talmente tante variabili che a seconda della nicchia e di come desideri utilizzare il tuo blog dovresti seguire corsi mirati a ciò che vuoi perfezionare o approfondire. 

Nonostante da bambina io gestissi già dei forum ho iniziato ad aprire il mio primo blog più tardi (nel 2016) ed ho impiegato 2 anni per capire come funzionasse questo mondo. Se avessi avuto l’opportunità di avere qualcuno che mi spiegasse passo passo ogni cosa ci avrei messo molto meno, e mi sarei risparmiata tutti gli errori commessi in questi anni. Dovendo rivedere le mie strategie ora, diventa difficile ed operoso intervenire in ogni articolo o in ogni voce del menù per fare pulizia. Ecco perché partire con il piede giusto è il modo migliore per iniziare la professione di blogger.

Alcune delle cose che sono riportate in questo corso le troverete anche sul blog mytripmap.it (e per ogni paragrafo relativo verrete reindirizzati proprio su quegli articoli per non togliere ulteriore spazio ad altro) mentre ciò che molti blogger tendono a non svelare le potrete trovare solo qui. Non si tratta di segreti, ma di strategie e best practice da mettere in atto. Troverai anche risposta a tutte le domande che potrebbero venirti in mente prima di creare il tuo blog (e per quelle alle quali non trovi risposta puoi sempre fare richiesta sul gruppo Facebook)

Tendo ad essere riservata e poco autocelebrativa, qualità poco apprezzate ed utili quando si parla di carriera “online”. Imposterò quindi la lettura in maniera più tecnica che discorsiva in quanto preferisco l’azione alle parole.

Per conoscere qualcosa in più su di me potete dare un’occhiata ai miei progetti in corso su Disciules.it nel quale troverete i miei due travel blog principali “mytripmap.it” e “disciules.it/blog”.

Chi è e cosa fa un Travel Blogger

Spesso si tende a vedere il travel blogger come una persona che va in giro per il mondo scattando foto e pubblicandole ovunque ci sia uno spazio per diffondere i contenuti. Quello che la gente non sa è quanto ci sia voluto per arrivare al punto di poter viaggiare gratuitamente o essere pagati per farlo. 

La giornata tipica di un travel blogger comprende la modifica delle foto con i programmi di fotoritocco, la pubblicazione sui social, la stesura di nuovi articoli sul blog, le modifiche sul sito (eventuali errori o aggiornamenti), il monitoraggio delle notifiche sulla Google search console, fare community con i backlink, organizzare nuovi viaggi (si, sembra banale ma personalmente posso impiegare anche settimane), informarsi sulle destinazioni, rimanere aggiornati, seguire corsi di aggiornamento SEO, analisi di mercato, procurarsi lavoro e tanto, tanto altro.

Tutto questo, per far sì che la propria passione diventi qualcosa di più professionale, dovrebbe essere svolto per almeno 2-4 ore al giorno. Non c’è ovviamente una ricetta per ottenere un determinato risultato, ma la costanza e l’impegno valgono per ogni professione.

Acquista il manuale

diventare-travel-blogger

Gli argomenti trattati nel libro

  • Chi è un Travel Blogger 
  • La chiave del successo online 
  • Come e quanto si guadagna 
  • Quanti visitatori bisogna avere
  • Implementare un blog 
  • Installare wordpress.org 
  • Scegliere il tema
  • Perché installare il tema child
  • Imposta la sicurezza del sito web 
  • Come installare secure https
  • Come configurare i permalink 
  • Installare il tema WordPress 
  • Sito online o offline
  • Collegare google search console al tuo blog
  • COME ABILITARE LA SITEMAP IN YOAST 
  • Come inviare sitemap a google
  • Configurare Google Analytics e Jetpack 
  • I plugin suggeriti 
  • Per la sicurezza del tuo sito 
  • Plugin per mettere in mostra i tuoi social network 
  • Velocizzare un blog 
  • I contenuti del blog 
  • Quali pagine creare per prime 
  • Blog Tips 
  • Cosa scrivere? 
  • Scrivere SEO friendly 
  • Google Search Console 
  • SeoZoom 
  • SEMrush 
  • Google Analytics 
  • Plugin JetPack 
  • Come trovare ispirazione 
  • Google keyword planner 
  • Google Trends 
  • Answer The Public 
  • BuzzSumo 
  • Il titolo dell’articolo 
  • Le immagini dell’articolo 
  • Identità Social 
  • Strumenti, app e social per travel blogger 
  • Pianificare i propri contenuti 
  • App per modificare le foto 
  • Creare contenuti video 
  • Le Instagram Stories
  • Crescere su Instagram 
  • Promuovere i contenuti 
  • Strumenti di email marketing
  • Promuoversi sui social 
  • Creare connessioni con backlink e Guest Post 
  • Creare un proprio media kit 
  • Monetizzare blog e social 
  • I programmi di affiliazione 
  • Link di affiliazione sui social 
  • AWIN 
  • TRADEDOUBLER 
  • Come guadagnare consigliando un volo?
  • VIGLINK (Sovrn) 
  • Le agenzie di Influencer, i siti e le app 
  • Altri metodi di guadagno 
  • Viaggiare sponsorizzati 
  • Collaborare con le strutture ricettive 
  • Collaborare con le strutture Italiane
  • Collaborare con le strutture straniere 
  • Come comportarsi durante il soggiorno 
  • Cosa fare a fine collaborazione 
  • Template email da inviare 
  • Come funzionano i blog tour 
  • Partecipare ad un blog tour

Acquista il manuale

Viaggiare gratis 

In questo articolo ironico avevo scritto i passaggi per “Scroccare un soggiorno in hotel” evidenziando il fatto che il lavoro di un blogger ha un lavoro molto ben maggiore di una notte in hotel ed è il motivo per il quale non bisogna “svendersi” o offrire i propri servizi gratuitamente.

Molte persone sono riuscite a trasformare le loro passioni in un lavoro vero e proprio, collaborando con strutture di alto livello e viaggiando per il mondo del tutto spesate. Ma è un mondo per chiunque? In parte, si. Coloro che viaggiano gratis per il mondo non lo fanno per caso, ma hanno calibrato la propria vita dedicandola al mondo dei viaggi. Spesso sono esperti della comunicazione, dei social o del marketing, aiutando le strutture ricettive a mostrare il lato migliore sui social.

Molte strutture non sono alla ricerca di lavori troppo complicati e a volte cercano semplicemente di ottenere foto della struttura da poter divulgare sui propri social. Non è quindi raro che offrano un soggiorno gratuito in cambio di foto dell’hotel e dei servizi. Ovviamente, il tutto si limita ad uno, massimo due giornate, e da svolgersi rigorosamente durante la settimana lavorativa piuttosto che nel weekend.

Viaggiare gratis con il solo account Instagram è possibile?

Come iniziare il proprio percorso di storytelling? Inizia ad informarti, dai un’occhiata alle guide della LonelyPlanet e la sezione Travel di Google.