Tra le tante applicazioni per influencer ho trovato Tribe molto pubblicizzata e ben fatta ed ho così deciso di provarla. Ecco com’è andata.

Si tratta di un’applicazione mobile che permette tramite il caricamento di foto (che dovranno seguire il brief del brand) di guadagnare a seconda del numero dei propri influencer. Si dovrà quindi prima portare a termine uno scatto, magari acquistando anche del materiale online (solitamente con un 15-25% di sconto) per poi caricarlo in fase di approvazione direttamente nella campagna lanciata dal brand.

L’applicazione si trova sia per iOS che per Android.

I prezzi si aggirano intorno ai 100 dollari per 10k di follower.

Ho provato quindi ad iscrivermi ad una delle tante campagne proposte. Solitamente i brand richiedono di scattarsi una foto con uno dei loro prodotti mentre io ho scelto le campagne che richiedessero poco impegno giusto per testare l’app. Le campagne per gli europei sono davvero poche ed in certi casi non è nemmeno specificato il target di riferimento ma è implicito forse che si tratti di un pubblico della stessa origine di quella del brand.

La mia esperienza con Tribe

La mia prima campagna è stata quella di un’app che permetteva di trovare finanziamenti pubblici da privati. L’obiettivo era quello di scattare una foto mentre si utilizzava l’app o uno screen della stessa confezionato in una foto artistica. Ho quindi fatto un fotomontaggio dello screen dell’app inserendolo in un bel contesto.

Il brand era molto disponibile a parlare ed ha suggerito un cambio immagine. Ho modificato la mia immagine ma anche questa volta chattando ha decretato che non era ciò che stavano cercando ma che avrebbero provveduto a donarmi 13 euro per la causa.

Magnum

Ho provato quindi a spostarmi sui big, in questo caso si richiedeva la foto mentre mangiavi un magnum. Anche in questo caso brutalmente photoshoppata. Il rifiuto riguardava il fatto che avrebbero accettato solo UK influencer.

Papier

Bisognava sponsorizzare la nuova linea dedicata alla disney. Ho quindi preso un loro quadernetto scontornato online e sistemato su un background di fiori. Anche qui, rifiutato.

Ecco la foto dell’impietoso photoshoppaggio

Infine, sto aspettando risposta da National Geographic e da Grom.. ma anche qui non mi aspetto grandi cose dal momento che forse i photoshoppaggi non sono visti di buon grado oppure i brand si riservano di approvare solo gli influencer con una soglia più alta di followers!

Dopotutto contando che dovrebbero spendere circa 100-200 dollari per qualcuno che ha 10-20k preferiscono spenderne di più ma per influencer noti al pubblico e con un numero di followers più consolidato.

Che dire.. vi terrò aggiornati se uno dei miei photoshop viene accettato!

E voi, che esperienza avete avuto?

Aggiornamento: primo post accettato! Ringraziando GROM 🙂

Aggiornamento: Già la 3 foto accettata! Sembro essere stata sfortunata all’inizio!

 

SEGUICI SUI SOCIAL!

Ci puoi trovare su Instagram sotto il nome di @my.trip.map e @disciules

Su Facebook siamo mytripmaps
Puoi scoprire le nostre offerte di viaggio su @piccioneinviaggio
Il canale Telegram per le offerte è offerteweekend

Scorpri i prodotti di tendenza su Amazon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *