Calimera! In questa guida presenterò la mia personale esperienza a Santorini suggerendovi il modo migliore per vivere l’isola anche low cost. Se trovate degli errori o inesattezze o semplicemente volete dire la vostra potete scrivermi in uno dei canali social o all’indirizzo mail 🙂

Di seguito una cartina che ho realizzato con i punti di interesse principali; potete accendere e spegnere i livelli che vi interessano dal menu a sinistra della mappa.

Alla scoperta delle città

Oia

Ideale per lunghe passeggiate vista mare, zona di eventi di tanto in tanto e possibilità di accedere ad una piscina pubblica nelle vicinanze. In città è presente anche una libreria con tanto di terrazzino annesso dove poter leggere sull’amaca un libro! Da segnalare che il negozio contiene la prima edizione del Piccolo Principe (4000 euro)
La più affollata turisticamente per la presenza di una lunga passeggiata vista caldera con molti scorci per fare le classiche fotografie con le chiesette blu. Abbastanza invivibile ad agosto all’ora del tramonto in quanto tutti prendono postazione svariate ore prima in tutti i punti panoramici. Non ho trovato una vasta scelta di ristoranti come a Fira, molti bar e souvenir (comunque piu costosi del resto dell’isola)

La baia sottostante di ammoudi è molto caratteristica e sono presenti alcuni ristoranti che offrono pesce fresco da scegliere direttamente dalla vetrina. Raggiungibile dalla strada in macchina o con la classica discesa con gli asinelli.

oia-santorini-guida-completa.jpg

Photos by www.mytripmap.ml – Tildesign ©

Fira

È possibile risalire il sentiero con una cabinovia (5€ per tratta) o sul dorso degli asini (grossi come cavalli, sempre per la stessa cifra) che per tutto il giorno fanno avanti e indietro la scalinata (e sembrano essere molto affaticati nel portare le persone) stando attenti a non strisciare le gambe contro i muretti in quanto probabilmente agli asini viene insegnato di fare “zig zag” tra le scalinate per smorzare la fatica, oltre ai possibili scontri o ingorghi all’ora di punta (12-14.00) o la mattina presto. È caratterizzata dai ristoranti e bar che si affacciano sulla Caldera (prezzi piatti da 15-20 euro, cocktails 10-12) e se avete la possibilità vi consiglio di provare il Momix che fa ottimi drink, anche molecolari. Più all’interno troviamo taverne con prezzi ragionevoli (7-14 a piatto) e pub con birra a 3 euro e drink a 5. Sia di sera che di giorno potete avventurarvi tra i vicoletti caratterizzati dai mille negozi di souvenir e di gioielli, nonché tra le discoteche e pub presenti (con date e aperture da verificare, durante la settimana dal 25 al 1 settembre sono state sempre chiuse a parte la sera del 31)

FIRA-santorini-guida.jpg

Photos by www.mytripmap.ml – Tildesign ©

Imerovigli

Raggiungibile in circa 25m di cammino da Fira (o con il bus) è molto simile a quest’ultima ed un ottimo punto panoramico per scattare qualche foto. Il primo posto che vi segnalo è la chiesetta (dirigendovi a sinistra una volta che avrete la Caldera di fronte a voi)

imerovigli.jpg

Merita sicuramente una visita la montagna di fronte alla città chiamata Skaros Rock, sede di un’antica fortezza medievale, percorribile in tutto il suo perimetro (qualcuno azzarda anche la scalata fino alla sommità) fino ad offrire una vista a 180° su tutta la Caldera.

20160828_110838

Pyrgos

Piccolo paesino al centro dell’isola, raggiungibile anche con i bus. Buona parte di esso è andato distrutto, se capitate in zona potete fermarvi per una breve visita.

Pyrgos.jpg

MANGIARE
Dove e cosa mangiare

Tra le tre città principali affacciate sulla Caldera credo che Fira offra il numero maggiore di ristoranti e relative offerte per spendere poco. Troviamo i fast food dove è possibile trovare una pita ( tipico panino simile al kebap con differenti varianti di carne a scelta tra pollo, maiale e kebap) a 2.50€ a fronte delle invece molto costose insalate greche (dai 4.50 ai 9 euro) contenenti pomodoro,cetrioli e feta.
Se siete alla ricerca di un buon ristorante e vi affidate alle recensioni di Tripadvisor noterete che ognuno di essi ha solo recensioni positive e che quindi non è possibile orientarsi in base ad esse. Dato uno sguardo ai piatti fotografati per capire la tipologia di proposta (con l’agnello andate sempre sul sicuro, la pasta la sconsiglio nei ristoranti a poco ed il pesce preferitelo in quelli di fascia medio-alta in quanto negli altri lo troverete non fresco e surgelato). Assicuratevi anche delle porzioni, un solo spiedino di carne puo costarvi 15 euro ed essere contornato di pane per riempire il piatto, per non parlare degli antipasti che a fronte del prezzo sono sempre molto scarni). In città potete trovare anche molti gelatai (circa 4 euro gelato sfuso o 1.80 quello diretto dalla macchinetta), un ristorante vegetariano, un ristorante giapponese (molto molto costoso), alcuni ristoranti cinesi ed un Mc Donald.
(
Ricordatevi che i ristoranti diretti sulla caldera sono gli unici ad avere la vista, mentre quelli un po’ più all’interno anche se al piano superiore, rivolgono la propria vista all’altra parte dell’isola)

top_intro_pic_greek.jpg

www.mediterrasian.com

A Santorini si mangia spendendo poco: falso. Basandosi sui prezzi Italiani l’isola è molto più cara. Se si puo dire che si può pranzare con un calamaro a 9 euro non si può anche dire che la qualità di certi piatti di pesce a questa fascia di prezzo siano sempre freschi e buoni. A kamari ci hanno spacciato una fetta di palombo per una di pesce spada (11 euro) con due patatine in croce. Il piatto di pesce piu economico sono le sardine e patatine per 8 euro (in quasi tutta l’isola). Attenzione nel caso in cui vorreste un’aragosta perche spesso sotto il nome di lobster si cela un astice. Se volete spendere poco la soluzione è allontanarsi di qualche metro dalla salderà oppure andare nella zona bassa dell’isola. Se volete mangiare bene ci sono molti ristoranti vista caldera che offrono piatti interessanti per una media di €20 a piatto. I dolci greci sono caratterizzati dalla presenza di miele e quindi possono sembrare tutti molto simili potete trovare nel supermarket qualche sfizioseria come i biscotti soffici al cioccolato particolari e molto buoni, simili a quelli americani che potete trovare nelle bakery. Caratteristico del posto e anche la spremuta di fichi d’india.

Qualche prezzo: 

Oia la più cara seguita da Fira, prezzi medi di 15-20 euro a piatto. I primi piatti dagli 8 ai 12 euro. Dolci 6 euro. Birra a cena sui 4.50 per mezzo litro.

Pub: dai 10 ai 6 per cocktail a seconda se siete con vista caldera o più all’interno.

Possibilità ridotta di mangiare low cost con pita (sui 3euro un panino kebap) e ristoranti che offrono piatti sui 5-8 euro.

Ad akrotiri trovate un ristorante di pesce molto buono con un piatto di aragosta per due sui 48 euro.

Costo della verdura in un piccolo market a Fira:

GOPR1539.JPG

dormire

Dove dormire e qualche calcolo

Spostandovi a 10 minuti nell’entroterra troverete qualche b&b a buon prezzo (ho soggiornato presso Villa Koronios, a soli 7minuti a piedi dall’inizio della movida ,un po’ in salita il percorso, per 590 euro in due) con piscina e colazione inclusa a 300 euro a testa la settimana ultima di agosto. Considerando che il volo si aggira sui 150/250 in agosto, potete calcolare un extra tra cibo ed un paio di escursioni di 250 euro base, aggiungendo poi il costo tra drink e lettini al mare o noleggio moto.Se invece volete passare una vacanza rilassante e romantica gli hotel affacciati sulla caldera fanno sicuramente al caso vostro, ma il budget che dovrete avere a disposizione dovra essere sui 2000 euro.

Se volete un hotel vista caldera ma il budget di fira e Oia non fa per voi la soluzione potrebbe essere andare dalla parte opposta,  verso Akrotiri la vista è ancora stupenda ed hotel come la “caldera romantica”? Offrono un buon rapporto qualita prezzo per una stanza con terrazzino e spazio piscina a 450 euro a testa la settimana.

Siete alla ricerca del risparmio? Forse soggiornare a Perissa potrebbe convenirvi.

caldera hotel view.jpg

Spiagge

Perissa

Raggiungibile comodamente con il bus, offre un servizio spiaggia con 10 euro per due lettini ed un ombrellone. La spiaggia è caratterizzata da un colore molto scuro ma il mare è forse uno dei più riparati dal vento e trasparenti dell’isola.

Spiaggia di Kamari – Kamari Beach

Un po’ meno riparata dal vento e dalle onde ma meno cara di quella di Perissa. Il mare qui è abbastanza agitato a seconda della giornata più o meno ventosa, il fondale è meno limpido e la spiaggia è di sassi. In alcuni stabilimenti il lettino e l’ombrellone viene offerto gratuitamente a patto di pranzare nella loro taverna lungomare. I prezzi qui sono più convenienti che in altre parti dell’isola, forse la parte più economica. Un piatto di pesce spada (palombo) con relativo contorno a 9,50€ ed un piatto di pasta (dopo 5 giorni non ho resistito) al pesto (poco condita) per 7,50€

I prezzi delle bevande a ristorante sono gli stessi, 2.50€ una coca cola e 4,50€ un milk shake. Cocktail all’happy hour per 6 euro (ricordando che per happy hour si intende il solo bere). Si possono trovare all’inizio della spiaggia coca cola a 1€ e stuzzichini di carne a 1.50€ l’uno.

spiaggia perissa santorini beach.jpg

Tour della spiaggia Rossa,bianca e nera.

Red beach: raggiungibile col bus (verrà nominata dall’autista al momento dell’arrivo alla fermata. Bus diretto) e dopo una scarpinata di una decina di minuti che includono un paio di negozi souvenir e bar, nonché baracchini che vendono frutta (fetta anguria 1.50) da li un traghetto vi porterà alla white beach e alla black beach per 5 euro andata e ritorno. Raggiungere la spiaggia bianca è possibile solo tramite nave ed è una piccola baia con qualche ombrellone (merita una visita solo se siete muniti di pinne e maschera per visitarne i dintorni) mentre quella nera ha una strada ed un sentiero suo raggiungibile con soli mezzi propri (auto o moto).

spiaggia-rossa-e-bianca

Quale spiaggia scegliere

Se siete un gruppo di amici: kamari o Perissa (kamari è molto più animata e conveniente)

Se andate fuori stagione: la spiaggia rossa per godere dell’acqua un po’ piu limpida

Se prediligete comodita e “benessere”: Perissa offre un servizio spiaggia migliore.

Se siete nei pressi di Oia, nelle vicinanze c’è una piscina pubblica molto carina.

Santorini_Map1.jpg

Come muoversi a Santorini

Ho trovato abbastanza comodo i bus in quanto arriva sempre in orario a parte qualche disguido nei giorni di traffico più intenso e lascia nei punti principali della città. Ha una fascia oraria di ogni 20 o 30 minuti. Arriva all’orario prestabilito e resta fermo solo un minuto, quindi cercate di recarvi alla fermata almeno qualche minuto prima. Per sapere quale numero di bus prendere potete chiedere agli infopoint mentre evitare di chiedere info agli autisti perche sembrano sempre essere molto di fretta e poco cordiali. Il costo si aggira sui 2 euro a tratta.

Non ritengo la macchina una valida alternativa a meno che non vi sia comoda in quanto spesso la città è molto trafficata e troverete difficoltà nel parcheggio. Scegliete un motorino o un quad (circa 37 euro assicurazione compresa di circa €7 al giorno)

orari-bus-santorini.jpg

Fauna e flora

Non c’è una grande varietà di animali così come di piante, potete trovare qualche cane o gatto nella città e asini che vanno su e giù per tutto il giorno sulla scalinata delle città principali che portano alle rispettive baie e porticcioli.

L’intera isola è disseminata di piccole piante grasse utilizzate anche nelle fioriere e coltivazioni di vite sul resto del territorio (con un’altezza ridottissima)

FARE

Tour a Santorini

Per 18 euro (ora salito a 20) potete visitare in 3 ore il vulcano situato al centro tra Santorini e Therissa (?). Munitevi di scarpe abbastanza comode per affrontare una salita di circa 10 minuti, stancante per chi non è allenato.

Per prezzi superiori potete aggiungere anche una visita all’Isola di Therissa o una visita via nave ad Oia per il tramonto.


suggerimenti-santorini.jpg

Qualche ultimo consiglio

▶ State attenti al resto in denaro che ricevete. portatevi sempre dietro un maglione perché nell’isola soffia sempre molto vento.
▶ Assicuratevi di avere sempre con voi un po’ di denaro contante in quanto le carte di credito non sono ben viste e sono richiesti soldi per quasi tutte le attività.
▶ Prima di acquistare un gelato assicuratevi del prezzo perché puo variare molto a seconda di dove siete ed arrivare a costare anche sui 4-6 euro.
▶ Mettetevi casco o occhiali per andare in moto perche il vento ed il sole sono molto fastidiosi.
▶ Non ho notato grande presenza di insetti o zanzare.
▶ Per happy hour si intende la bibita.
▶ Nei bagni pubblici non buttate la carta igienica nel water (ma nell’apposito cestino).
▶ Portatevi dietro delle scarpette da scoglio. Preferite un hotel o B&B con piscina; dopo tutte quelle scale ed aver visitato una città tutto il giorno senza fare un bagno ne avrete bisogno.

● Come vestirsi a Santorini

Le temperature in estate sono alte ma con il vento perenne il caldo alle volte non è percepito in modo così forte . Non avventuratevi nelle città tra le 13.0o e le 15:00 di pomeriggio perché potrebbe fare molto caldo nonostante la presenza del vento. Per la sera invece portatevi sempre dietro un maglione perché la sera il vento potrebbe essere freddo nella parte della Caldera. Portatevi sempre dietro un cappellino ed un paio di occhiali da sole. Il vento a volte potrebbe essere così fastidioso da compromettere la vostra serena giornata in piscina o la vostra cena sulla terrazza. Preferite vestiti molto lunghi e che non abbiano la tendenza ad alzarsi..in quanto col vento diventano ingestibili 🙂

● Aeroporto:

È comodamente raggiungibile coi bus (dalle 5 di mattina alla 1 di notte) ed al piano superiore c’è una terrazza nella quale potersi sedere per aspettare il volo che non tutti conoscono.

2016-08-29 12.11.26 1.jpg

Andate a Santorini se:

– avete una disponibilità economica tale da permettervi una vacanza rilassante (no affitto case e relativa ricerca di supermarket) e qualche drink la sera, o se siete in buona compagnia e non avete paura di annoiarvi. Chiaramente è tutto soggettivo e l’isola può essere visitata anche “partendo all’avventura”.

Non andateci se:

– odiate faticare e fare sali-scendi sulle scale. I panorami migliori a meno che non abbiate una stanza vista caldera, sono quelli che devono essere raggiunti.

– volete passare un’estate al mare. Anche in pieno agosto oltre ad essere freddo, la visibilità nell’acqua non è delle migliori.

– siete in bolletta. Non solo non riuscirete a risparmiare ma non vi godrete la vacanza. Con un b&b colazione compresa (difficile da trovare a buon prezzo) calcolate un minimo di 2o0- 300 euro extra.

TRAVELLER SHOP


Scorpri i prodotti di tendenza su Amazon!

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *