Come partecipare e quanto dovreste chiedere per un blog tour

Sono sempre più in voga i blog tour come metodo di promozione turistica del territorio promosso dai vari enti del turismo regionale e rivolto ai travel blogger italiani. Ma come si svolgono, quanto si viene pagati per viaggiare e promuovere il territorio e come farne parte?

Iniziamo dal principio: in cosa consistono i blog tour?

Si tratta di itinerari di uno i più giorni (5 giorni al massimo di solito) volti alla scoperta dei territori interessati alla promozione turistica. Solitamente sono composti da gruppi di massimo 6-10 persone con uno o più accompagnatori che vi seguiranno durante l’itinerario e vi daranno le direttive richieste per il materiale da produrre durante la giornata. Si tratta di materiale foto o video a seconda delle vostre abilità volte ad essere condivise di giorno in giorno sui social. Alla fine del tour è richiesto un articolo da condividere sul vostro blog qualora ne abbiate uno. Esatto, non è necessario avere un blog per partecipare ad un blog tour perché se il vostro seguito social è molto forte vi basterà anche una pagina con 30-40k follower.

Cosa devo fare durante il tour?

Alcuni tour sono più liberi e le richieste non sono costrittive. Nell’ultimo blog tour ho condiviso circa 5 foto su Instagram suddiviso nei 5 giorni. Se vedete che le richieste iniziano ad essere più pressanti chiedetevi se ne vale davvero la pena e se il vostro prezzo sia davvero così basso da permettere ciò che vi viene chiesto. (Più avanti vedremo quanto può costare il lavoro di una blogger per vedere se il gioco vale la candela)

La domanda sorge spontanea:

Si viene pagati per tutto ciò?

In Italia non si è soliti essere pagati per quel che si ritiene essere divertente, anche se richiede sforzo notevole. Fotografare è ritenuto ormai sport nazionale per cui se i fotografi professionisti fanno fatica a ricevere compensi per il loro lavoro una blogger potrà ancor meno esercitare i propri diritti su questa operazione. Non è necessariamente detto che se si è blogger si sappia anche fotografare ovviamente, ma se la vostra attrezzatura fotografica incomincia ad essere importante o iniziate a chiedere un compenso o forse è meglio lasciarla a casa per non rischiare. Il cellulare in questi casi andrà più che bene per quel che si richiede…

Non è necessario essere quindi grandi fotografi per parteciparvi.

La risposta è quindi presto detta: A meno che non abbiate 50 o più follower o che non siate un blog largamente conosciuto (magari anche ai vostri vlog) no, non verrete pagate. Il minimo ovviamente è che il tour sia del tutto pagato compreso spostamenti, hotel e cibo.

Alcune volte lo spostamento non è compreso ed in questo caso dovrete valutare voi se vale la pena spendere qualcosa di tasca vostra.

Se invece vivete all’estero dove il lavoro digitale è più considerato perché le persone sono meno retrograde troverete un bel compenso che vi spetta per partecipare a queste iniziative. Il costo dovrebbe essere quello che chiedereste come liberi professionisti per una giornata intera di lavoro. Se invece non lo fate di professione potrete chiedere un compenso forfettario. La mia stima è dai 100 ai 200 euro.

blogger e influencer

Quanto costa il vostro lavoro di un blogger?

Tralasciando il fatto di partecipare ad una attività imposta da altri, con i loro ritmi e le loro decisioni, stando sull’attenti tutto il giorno per catturare i momenti salienti, documentandovi e prendendo appunti e, nella peggiore delle ipotesi, perdendo addirittura giorni di lavoro (nel caso in cui il blog tour duri più di un weekend) qual è il costo della promozione di una destinazione turistica?

Un articolo su un piccolo travel blog dovrebbe costare mediamente 150-200 euro. Numeri a caso in quanto ognuno può fare il suo in base al numero di visualizzazioni mensili.

Passiamo invece ora alla promozione social.

Anche qui i prezzi sono stati delineati dalle app che offrono compensi in cambio della promozione di un brand su una foto condivisa su Instagram o Facebook. Quali sono i prezzi che queste app mettono a disposizione degli influencer?

Se avete più di 10k follower potete essere definiti degli influencer nel senso che se condividete una foto riusciranno a vederla abbastanza persone. Ovviamente un influencer non è definito dal numero (quasi sempre falsificato) di influencer ma con il numero reali di persone che sono “affezionate” (vuoi per il tuo modo di vestire o di fare) a te. Come si fa a capire quante persone sono realmente interessate ad un influencer? Né con il numero di like né con i commenti in quanto entrambi facilmente soggetti a falsificazioni. Forse il numero più onesto potrebbe essere il numero di persone che guardano le vostre stories.

Un influencer è dunque qualcuno che non fa solo foto ma ha un progetto alle spalle e riesce ANCHE ad emergere sui social. Facciamo un esempio di una cantante emergente italiana con una media di 20k follower. In questo caso parliamo di cantante ma anche di influencer sui social perché con il suo lavoro di cantante influenza le masse e di conseguenza ogni foto postata sui social sarà presa in maniera più seria rispetto ad un’altra ragazza con 20 o 30k follower che però oltre alle foto non svolge alcuna attività per cui è nota.

I prezzi per una foto sul proprio canale Instagram sarà per la prima sui 500 euro e 100-200 euro per la seconda.

Qualche numero

Un’app per la condivisione delle foto volte alla promozione dei brand suggerisce come scaletta dei prezzi quanto di seguito:

10k followers: 100 euro per foto

20k: 200

30-50: da 300 a 500

E così via.

Si tratta di un’app non italiana mentre in Italia applicazioni del genere spesso non tengono nemmeno conto del numero di influencer e la tariffa in questo caso si dimezza a circa 30-50 euro per foto + blog post.

Ne vale davvero la pena di svendersi per 50 euro? Ammetto di averlo fatto anche io perché in quel caso pubblicare quella foto non mi avrebbe provocato nessuno sforzo materiale (non la dovevo produrre ma solo condividere) ma di certo chi ci ha guadagnato è stato il brand. Calcolate anche che 50 euro sono 25 netti per un libero professionista.

Detto questo e ritornando a noi: quanto dovreste VERAMENTE chiedere per un blog tour (ma non vi daranno mai)

Oltre alle spese (hotel, ristorazione, spostamenti) ad un professionista dovrebbero spettare circa 200 euro al giorno (questo è quanto chiedo io in media per una giornata lavorativa da grafica composta da 8 ore, quindi non vi sto a dire che vi spetterebbe anche di più data la trasferta) + 100-200 euro per ogni foto pubblicata sui vostri social da 10k più followers.

Se il blog tour vale la pena (esempio: vi portano in America pagandovi anche il viaggio) in questo caso è chiaro che andreste in pari e accettare di fare il lavoro in cambio delle spese di viaggio potrebbe essere un ottimo compromesso.

Ma, ahimè, nessuno ci porterà in America.

TRAVELLER SHOP


Scorpri i prodotti di tendenza su Amazon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *