I francobolli PASSPORT possono essere un ottimo modo per mostrare tutti i viaggi, ma qualche paese potrebbe causare problemi per le vacanze future!

Avrete forse sentito di qualcuno che sconsigliava di avere qualche timbro sul passaporto. Vediamo in dettaglio perchè da qualche anno avere determinati timbri può risultare scomodo per entrare in qualche paese!

I francobolli sul passaporto sono spesso un modo per vantarsi dei viaggi esotici che i turisti hanno visitato in tutto il mondo, tuttavia molti viaggiatori potrebbero non rendersi conto che certi francobolli possono ostacolare i loro viaggi futuri.

Un francobollo israeliano può spesso causare problemi nell’entrare in molti paesi musulmani.

Questi paesi includono: Siria, Libano, Libia, Kuwait, Iran, Iraq, Pakistan, Arabia Saudita, Sudan e Yemen.

Come evitare il problema

Questo è il motivo per cui molti aeroporti e controlli di frontiera non effettuano più timbri sul passaporto e invece forniscono una carta di ingresso e uscita separata che stampano per mantenere il passaporto pulito.

Nel 1948, Israele fu ufficialmente riconosciuto come stato e un anno dopo divenne il 59 ° membro delle Nazioni Unite, eppure fino ad oggi, 25 paesi non hanno mai riconosciuto Israele, molti dei quali precedentemente dichiarati non consentono a coloro che entrano con un francobollo israeliano.(Per quelli che viaggiano spesso in Israele, molti hanno addirittura due passaporti per evitare il problema.)

La Groenlandia, pur essendo considerata da alcuni un paese, non soddisfa tutti i criteri per essere dichiarata legalmente e i cittadini sono sotto la legge danese.

Ottenere un visto per viaggiare in Pakistan può essere un processo lungo e complicato e ci sono alcune cose che potrebbero impedirti di entrare nel paese.

La maggior parte dei cittadini possono entrare in Pakistan con un visto, purché il loro passaporto sia valido per almeno sei mesi.

Tuttavia, il paese ha una restrizione sul visto per chiunque, da Israele, voglia entrare nel paese e ai viaggiatori che hanno una doppia cittadinanza israeliana o un timbro israeliano sul passaporto potrebbe essere negato l’ingresso nel paese.

Anche se sei riuscito ad ottenere un visto per entrare in Pakistan, potresti ancora essere interrogato dagli agenti dell’immigrazione al loro arrivo e c’è una possibilità che ti venga rifiutata l’entrata in quanto il Pakistan ha anche un numero di visti diversi che i viaggiatori possono richiedere.

Luoghi sacri

Se intendi visitare luoghi sacri, santuari o Gurdwaras in Pakistan, dovrai richiedere un visto Yatra. Questo visto di ingresso singolo è di solito rilasciato a gruppi di pellegrini e limitato a un periodo specifico nell’anno.

Chi accetta francobolli Israeliani

Fortunatamente, l’elenco delle nazioni arabe che sono più che felici di accettare i visitatori con francobolli israeliani nel loro passaporto includono due dei vicini di Israele, l’Egitto e la Giordania. Potrebbe non sorprenderti se gli altri due paesi che condividono una frontiera terrestre (ma non un punto di passaggio) con Israele, Libano e Siria, NON permettono ai visitatori del loro paese se qualche traccia di una visita in Israele viene trovata in un passaporto.

Paesi arabi / musulmani che accettano visitatori con passaporti israeliani timbrati:

  • Emirati Arabi Uniti
  • Egitto
  • Giordania
  • Oman
  • Marocco

Paesi arabi / musulmani che NON accettano visitatori con passaporto timbrato israeliano:

  • Siria
  • Libano
  • Libia
  • Kuwait
  • Ho corso
  • Iraq
  • Pakistan
  • Arabia Saudita
  • Sudan
  • yemen

Per quelli di voi con passaporto israeliano, il seguente elenco potrebbe essere di interesse.

Paesi arabi / musulmani che consentono l’ingresso per i cittadini israeliani:

  • Bahrain
  • Egitto
  • Tunisia
  • Giordania
  • Qatar
  • Oman
  • Marocco
  • Mauritania

Alcuni consigli su come visitare i paesi arabi dopo aver visitato Israele …

Il nostro suggerimento per evitare qualsiasi problema futuro quando si visitano paesi arabi: ottenere un secondo passaporto.

Se un secondo passaporto è fuori questione, quando arrivi in Israele chiedi all’impiegato dell’immigrazione di emettere il timbro di ingresso su un foglio separato perché intendi visitare i paesi arabi dopo la tua visita in Israele.

Un altro suggerimento: utilizzare Cipro come gateway del Medio Oriente per i paesi arabi. Certo, l’immigrazione saprà da quale paese (Cipro) l’aereo è arrivato, ma l’aereo prima?

Un ultimo consiglio: controlla sempre con l’ambasciata o il tour operator eventuali restrizioni sui visti. Le cose cambiano continuamente, quindi spero che le cose cambino in meglio quando fai i tuoi piani di viaggio.

 

Paesi che sono noti per negare l’ingresso ai viaggiatori che sono stati in Israele 

I reclami in verde chiaro rifiutano i passaporti israeliani. I paesi in verde scuro rifiutano tutti i passaporti che contengono francobolli o visti israeliani

AfghanistanAlgeriaIranIraqKuwaitLibanoLibiaArabia SauditaSomaliaSudanSiria e Yemen.

Potresti anche avere difficoltà, ma in misura minore, entrare in altri paesi islamici, come il Bangladesh, il Brunei, la Malesia, il Pakistan e gli Emirati Arabi Uniti (EAU)

 

SEGUICI SUI SOCIAL!

Ci puoi trovare su Instagram sotto il nome di @my.trip.map e @disciules

Su Facebook siamo mytripmaps
Puoi scoprire le nostre offerte di viaggio su @piccioneinviaggio
Iscriviti al gruppo Facebook per Travel Blogger
Infine, seguici su Tripadvisor

Scorpri i prodotti di tendenza su Amazon!

Questo sito contiene link di affiliazione ai prodotti. Potremmo ricevere una commissione per gli acquisti effettuati tramite questi collegamenti.

3 commenti

  1. Avere un secondo passaporto non è proprio legale. Si può fare ma è davvero uno “sgamo” non proprio consigliabile.

  2. Da qualche parte avevo letto che ti fanno un timbro su un foglietto che allegano al passaporto e poi riprendono alla partenza. Non so se sia vero o meno.

    1. certo. ti fanno un tagliando che però dovrai conservare all’interno del passaporto e NON LO RIPRENDONO alla partenza (verificato personalmente il 24-11-2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *